Biblioteca del Cenide

Prossima uscita:

Platèa

Domenico Cogliandro

Siamo in “Italia”, a cavallo tra la fine degli anni ‘70 e l’inizio degli ‘80. La CPM – ente fornitore di servizi con filiali in varie zone – ha commissionato a un’impresa edile locale la costruzione di una camera di raccolta per un acquedotto.

Una mattina, passando accanto al cantiere, il geometra Scaffa si accorge che è cambiato qualcosa: un sopralluogo più accurato rivela che, nonostante l’area fosse recintata e inaccessibile, qualcuno, nella notte, ha completato i lavori. La platea è perfettamente liscia e pare quasi di un materiale sconosciuto; un lavoro impossibile da svolgersi in una notte sola, tanto più che non ci sono tracce sul sito: l’opera è apparsa dal nulla.

Il dirigente Peppino Cilantro comprende che deve per forza entrarci la ‘ndrina, e dunque occorre segnalare il fatto alle forze dell’ordine, ma…

“A metà strada tra il giallo meridionale e il racconto corale di una piccola realtà geografica, Platèa parte dal mistero di una impossibile realizzazione per narrare, attraverso una serie di scene e ritratti, la quotidianità di un uomo onesto, geometra e padre di famiglia in una Italia fuori dal tempo. Sul piano linguistico, l’autore dimostra una certa maturità stilistica ed espressiva. I dialoghi, punteggiati di dialetto, sono vivaci e credibili; anche il lessico, che spesso attinge a termini inconsueti, è ricco e ricercato; affascinante, inoltre, la scelta di usare quasi esclusivamente i vecchi toponimi: è un modo per mettere in secondo piano la collocazione geografica delle vicende, senza però occultarla del tutto.”

Vai alla sezione e-commerce della Biblioteca del Cenide > dpst /